TOP

La ragazza che danza sulla sedia

Durante le settimane del Roland Garros diversi giocatori hanno festeggiato il loro compleanno, su tutti Nadal, il Re di Parigi, che si è confermato in questa edizione ancora una volta il migliore sulla terra rossa francese, per la 14a volta. Il 3 giugno, giorno della semifinale contro Zverev, Rafa è stato accolto dal coro del pubblico dello Chatrirer: “Bonne Anniversaire Nadal”.

Rafa Nadal entra nel campo centrale di Parigi per la semifinale contro Zverev. E’ il 3 giugno, giorno del suo compleanno ed il pubblico lo saluta con un bel coro di Buon compleanno – fotoCopyright RDOSPORT Marta Magni Images

Ma lo spagnolo non è stato l’unico a festeggiare il 3 giugno. Sul campo numero 12 va in scena un’altra semifinale, quattro Donne con la D maiuscola sono le protagoniste. Avete mai visto il tennis in wheelchair? No? Recuperare è parola d’ordine. Nulla da togliere ai record dei record di Rafa, ma la bellezza dei tracciati delle ruote sulla terra rossa è davvero particolare. La grinta messa in campo da queste ragazze lo è poi ancora di più. Non c’è il bisogno intrinseco di conoscerne le storie, i passati, gli step che le hanno portate fin qui, al Roland Garros 2022; certo, sicuramente si sta parlando di storie di coraggio, di destini accettati e sfide superate. Da una parte della rete la giapponese Yui Kamiji e la sudafricana Kgothatso Montjane, dall’altra la francese Emmanuelle Morch e la cilena Macarena Cabrillana.

I segni delle ruote sulla terra battuta del Roland Garros. Si gioca il doppio Weelchair Donne – Foto copyright RDOSPORT Marta Magni Images

Kgothatso in campo da un’immagine di sé pazzesca: non molla mezzo metro, tira forte, sulle linee e si alza sulla sedia fino ad arrivare ai rimbalzi più alti – i colpi più difficili. È proprio suo il compleanno, oltre che quello di Nadal. Stesso giorno e anche stesso anno, il 1986.

Avete mai pensato a quanto sforzo fisico implichi tale disciplina? L’organizzazione del Roland Garros si è posta questa domanda, e giusto quel giorno sul campo 8 ha dato la possibilità di giocare a tutti su delle sedie a rotelle: “Wheelchair for all” il nome dell’evento. Spostare il proprio peso e quello della sedia, che ha o cinque o sei ruote, tirarsi avanti spingendosi, con la racchetta in mano. In mano a quella più forte, quindi spingersi appoggiandosi maggiormente alla più debole, dettaglio da non sottovalutare. Se è difficile per un uomo, figuriamoci per una donna.

Nel colpire di rovescio la sudafricana Kgothatso si alza addirittura da terra – foto copyright RDOSPRT Marta Magni Images

Doppio rimbalzo concesso, sport impossibile altrimenti. Il gioco è un pochino più lento del tennis a cui siamo abituati, per le donne; i colpi forti allo stesso modo, se l’atleta riesce a trovare lo spazio perfetto tra sé e la palla. La sudafricana lo fa senza intoppi: è così che si porta a casa il match assieme a Yui in appena un’ora per 6-2, 6-1.

Gimme five – Roland Garros 2022 – foto copyright RDOSPORT Marta Magni Images

Gli applausi scrosciano a fine set, non esiste un broncio sul volto di nessuna delle quattro atlete, che si abbracciano oltre la rete e si uniscono agli applausi quando, dalla tribuna, si alza un coro di Bonne Anniversarie alla ragazza che danza sulla sedia. Kgothatso è felice come lo sono tutte ed ecco che un gavettone la investe: è l’avversaria che gioisce assieme a lei. Una bandiera della Repubblica Sud Africana sventola, è la vittoria dello sport.

Kgothatso Montjane danza a ritmo di Buon Compleanno sulla sua sedia – foto copyright RDOSPORT Marta Magni Images

Due atleti, Rafa e Kgothatso, che condividono il compleanno e la gioia di una finale raggiunta. Quella del Double Wheelchair inizierà sabato per terminare, causa pioggia, domenica, solo qualche ora prima di Nadal-Ruud.

Nadal insieme a Ruud durante la premiazione dopo la finalissima di domenica ROLAND GARROS 2020 – copyright RDOSPORT FOTO Marta Magni Images

Per la coppia giapponese-sudafricana lo scoglio olandese rappresentato della coppia numero uno al mondo, De Groot e Van Koot, si è poi rivelato insormontabile, con finale però molto combattuta e persa solo al fotofinish, 10-8 al super tie break. Nadal ha invece annichilito il giovane norvegese Casper Ruud, in una finale decisamente meno avvincente, lato risultato, ma ricca di emozioni per l’ennesima prova di coraggio dell’atleta spagnolo.

La coppia olandese che ha vinto il torneo di Weelchair del Roland Garros 2022 – foto copyright RDOSPORT Marta Magni Images

 

 

Rispondi