TOP

Tomas Etcheverry, il primo titolo non si scorda mai

L’argentino Tomas Martin Etcheverry  ha conquistato a Perugia il suo primo titolo challenger in carriera.  Ventidue anni da compiere il prossimo 18 luglio, attualmente al numero 166 delle classifiche mondiali.

Un rovescio di Tomas Etcheverry – Perugia 2021 ©rdosport

Una settimana perfetta in cui ha fatto fuori in particolare Salvatore Caruso in semifinale,  nel match più interessante del torneo, 7-5, 5-7, 6-2  il punteggio. E poi in finale l’ucraino Vitaly Satcko. Nei primi turni aveva peraltro eliminato anche Andrea Arnaboldi, A Forlì qualche settimana fa  aveva invece raggiunto le semifinali, battendo anche la giovane promessa italiana Flavio Cobolli.

Il sorteggio della semifinale di Perugia tra l’argentino ETcheverry e Caruso (©foto di Roberto Dell’Olivo)

Etcheverry è seguito ormai da qualche mese dal tecnico argentino Carlos Berlocq, con cui si allena nel nostro paese presso i campi del Tc Padova.

La nuova vita da allenatore dell’argentino Carlos Berlocq

Dopo Perugia l’argentino è iscritto anche al torneo di Todi. Prima di scendere in campo ha  però visitato la bellissima cittadina umbra, proprio insieme al finalista di Perugia, con qualche foto davanti alla chiesa di San Fortunato.

I finalisti di Perugia 2021 Etcheverry e Satcko in vista a Todi (©foto di Roberto Dell’Olivo)

Giusto il tempo di rifiatare un attimo, prima di tornare a giocare il primo turno, di nuovo contro un’altro italiano, il veneziano Matteo Viola.

Etcheverry e Satcko a Todi con il trofeo di Perugia – foto di Roberto Dell’Olivo

L’argentino  è senza dubbio tra i giocatori più in forma di questo momento nel circuito challenger,  aveva anche superato un turno delle qualificazioni sull’erba inglese di Wimbledon, e continuando di questo passo non ci metterà troppo tempo ad entrare nei primi cento giocatori al mondo.

L’argentino Etcheverry con il trofeo del successo di Perugia ©rdosport

INTERVISTA POST FINALE DI PERUGIA A TOMAS MARTIN ETCHEVERRY realizzata da Roberto Dell’olivo (©rdosport)

Rispondi